Tour Operator

     
 

Andiamo a sciare

Bentornato Carnevale

San Valentino

Si, lo voglio

Sport e turismo

Viaggi di nozze

 

Aeroporti

Arte e cultura

Enti del Turismo

In libreria

Manifestazioni

Musica

Salute

Solidarietà

Spettacoli

Tour Operator

Trasporti

 

Australia

Austria

Centroamerica

Compagnie Aeree

Costa Rica

Croazia

Crociere

Danimarca

Francia

Giappone

Grandi città

Israele

Lituania

Maldive

Mauritius

Monaco

Olanda

Perù

Repubblica Ceca

Repubblica Dominicana

Singapore

Slovenia

Stati Uniti

Sudafrica

Traghetti

Tunisia

Uganda

 
 

Titolo: cosasifa.it

Pubblicazione: Giornaliera

Direttore : Egidio Genise

Autorizzato con decreto del Presidente del Tribunale di Bergamo n. 33 del 11 Dicembre 2006

 
 

Viaggio in Orissa



L’Orissa, una regione poco conosciuta, ma tra le più interessanti dell’India. Un’area che suscita la curiosità non solo per chi ama incontrare etnie, mercati e villaggi abitati da tribù che hanno mantenuto usi e costumi tradizionali, ma anche per gli appassionati di arte e cultura induista.
Infatti in Orissa si trovano alcuni dei luoghi più sacri agli Indù: i templi di Bhubaneshwar; il tempio di Joranda con i sadhu della setta Mahima; la città sacra di Puri; il maestoso Tempio del Sole di Konark (sito UNESCO).

Tra le foreste dell’interno, invece, si trova la vera India delle tribù adivasi: oltre sessanta gruppi etnici di origine dravidica, l’etnia originaria dell’India, che si rifugiarono in questi ambienti impervi per sfuggire all’arrivo delle popolazioni ariane.

In piccoli villaggi sulle colline vivono i Bonda, le cui donne indossano solo una striscia di stoffa e si adornano con infinite collane di perline colorate; i Gadhaba,le cui donne portano grandi orecchini di bronzo e massicci collari di metallo; i Kondh, dediti all’agricoltura e alla caccia, le cui donne presentano tatuaggi sul viso per esorcizzare il pericolo delle tigri.

E poi i grandi mercati settimanali brulicanti di gente dove ogni etnia si riconosce grazie al suo abbigliamento caratteristico.

Un viaggio in Orissa promette quindi la profonda esperienza di conoscenza delle popolazioni tribali e di scoperta di templi sconosciuti.


Quasi tutte le etnie che vivono in Orissa, discendono dagli abitanti originari dell’India che già vivevano in questi luoghi prima dell’arrivo degli Ari 3000 anni fa: per millenni hanno vissuto isolate, pur commerciando con le popolazioni indù.

Questi contatti hanno inevitabilmente influenzato alcune popolazioni e hanno modificato talune tradizioni. Solo alcune tribù, rimaste più isolate, sono riuscite a mantenere i propri valori e le antiche tradizioni, come i Bonda.

Oggi ne conosceremo meglio, per quanto possibile, due di queste numerose etnie che popolano questa regione, i Bonda e i Sadhu della setta Mahima.

Tribali di origine australe, i Bonda vivono in mezzo a popolazioni di origine dravidica in una zona relativamente ristretta ad est delle colline Malakangiri, un’area montuosa nella parte sud-occidentale dell’Orissa. Nonostante essi siano instancabili allevatori di maiali, bovini, e polli, la loro economia è prevalentemente agricola. Dal riso e miglio, che sono la base della loro alimentazione, ricavano anche le bevande alcoliche che consumano copiosamente.

Per tradizione i Bonda girano nudi e il loro nudismo è di antiche origini. Fu cagionato da una maledizione che si abbatté su di loro ai tempi del Mahabarata, quando Rama e Sita, durante il loro esilio durato quattordici anni, viaggiavano nelle colline dei Bonda.

Sita
, lavandosi in un fiume dal sangue delle mestruazioni, provocò il riso di alcuni Bonda che erano lì sopraggiunti a prendere l’acqua: per punirli della loro impertinenza Sita gli scagliò un anatema che li costrinse a girare sempre nudi e ad essere derisi a loro volta. Sita aveva anche stabilito che i Bonda dovessero essere sempre rasati: essi girano infatti con il capo nudo, ricoperto soltanto da un copricapo di perline minuscole.

Le ragazze Bonda dovevano portare gioielli invece di vestiti, ma una recente concessione permette loro di indossare un corto gonnellino, tessuto al telaio di casa, composto da fibre vegetali ricavate dalla corteccia di un albero considerato sacro. Tale indumento non contravviene alla tradizione: poiché troppo stretto per coprire completamente il girovita, lascia intravedere i glutei. Il petto è nudo e coperto da numerosissimi fili di perline. La testa, rasata, è ricoperta da altri fili di perline, mentre larghi e grossi collari in bronzo o alluminio, bracciali e cinture completano l’abbigliamento.


Gli uomini, irritabili e diffidenti, considerano le donne del proprio villaggio solo come madri o sorelle, per cui i matrimoni vengono sempre combinati tra membri di villaggi diversi. In ogni villaggio esiste una casa dove le ragazze da marito possono ricevere i loro pretendenti, ma il loro dormitorio è interdetto ai ragazzi dello stesso villaggio.
I Sadhu della setta Mahima:
il villaggio di Joranda ospita un tempio, assolutamente unico nel suo genere, che è casa della setta induista dei Mahima Sadhus, asceti che sono soliti coprirsi le nudità con la corteccia degli alberi.
Il tempio fu costruito a inizio ventesimo secolo anche se l’antico santuario ospitato al suo interno risale a inizio quattordicesimo secolo. La setta degli asceti Mahima fu iniziata da appartenenti alle caste proletarie come riforma sociale contro il predominio del Brahmanesimo. La pratica socio-religiosa dei Mahima è influenzata dal buddhismo e dal Giainismo e si oppone fermamente al sistema castale e all’idolatria.

Questa religione vieta il consumo di ogni tipologia di intossicanti, qualsiasi forma di violenza e il consumo di ogni varietà di carne, inoltre cibo e acqua vanno consumati prima del tramonto.

Due, al momento, le partenze organizzate dall’operatore I Viaggi di Maurizio Levi, il 5 febbraio e il 5 marzo, 14 giorni, con quote che partono da 2760 euro a persona.

Info:

www.viaggilevi.com

 


Le altre notizie

Messico: dagli Aztechi ai Maya

Dove osano gli aquiloni

Crociera sul Rio delle Amazzoni

A Natal per il “Ponte”

Alla scoperta dell’Ethiopia

Viaggio in Orissa

Sahara, l’avventura in Marocco

Aruba, l’Isola felice

Sawadee

India, per un viaggio nel tempo

I colori del Marocco

 

 

 

 

Alberghi

Benessere

Lo sapevate che . . .

Parchi

Personaggi

 

Ristoranti

 

Nessun record restituito.
 

Chi siamo

Contattaci

Email

Immagini

 

 

Aeroporti italiani

Agriturismi

Compagnie Aeree

Giochi on line gratis

Governo Italiano

Il Mondo in un clik

La terra dal cielo

L'Italia da vedere

Lotto

Mappe

Meteo

Metropolitane d'Italia

Metropolitane Europee

Motori di ricerca italiani

Motori di ricerca nel mondo

Musica da ascoltare

Orari ferroviari

Oroscopo

Programmi TV

Quotidiani in rete

Sisal

Tabelle alimenti

Tour Operator

Traghetti

Trivago

Turismo

Turismo in Internet

 
 
Copyright 2007 - Cosasifa.it | p.i. : 02252460163

design & creations in Blue line by Pk-web