Buona Pasqua

     
 

Andiamo a sciare

Buona Pasqua

Si, lo voglio

Sport e turismo

Viaggi di nozze

 

Aeroporti

Arte e cultura

Cinema

Enti del Turismo

In libreria

Manifestazioni

Musica

Salute

Solidarietà

Spettacoli

Tour Operator

Trasporti

 

Australia

Austria

Centroamerica

Compagnie Aeree

Costa Rica

Croazia

Crociere

Danimarca

Francia

Giappone

Grandi città

Israele

Lituania

Maldive

Malesia

Mauritius

Monaco

Olanda

Oman

Perù

Repubblica Ceca

Repubblica Dominicana

Singapore

Slovenia

Stati Uniti

Sudafrica

Thailandia

Traghetti

Tunisia

Ucraina

Uganda

 
 

Titolo: cosasifa.it

Pubblicazione: Giornaliera

Direttore : Egidio Genise

Autorizzato con decreto del Presidente del Tribunale di Bergamo n. 33 del 11 Dicembre 2006

 
 

La festa in Alto Adige

Da dove veniamo, il nostro passato, la nostra storia e quella dei nostri nonni, gli insegnamenti, i racconti, i ricordi, le esperienze, i riti e le credenze fanno parte di tutte quelle informazioni che vanno a riempire il baule del nostro essere.
L’importanza di tutti questi dati è fondamentale, è un patrimonio inestimabile che aiuta ognuno di noi a formare la propria personalità. In Alto Adige e soprattutto nei masi e nella cultura contadina, le tradizioni sono ancora molto vive e molto sentite e rappresentano il senso di appartenenza ad una comunità.

La Pasqua in Alto Adige, ad esempio, ogni anno è un momento molto legato
alle usanze, ma nello stesso tempo di grande festa sia per i grandi che per i piccoli.

Nella Domenica delle Palme, ad esempio, è tradizione che in chiesa vengano benedetti i ramoscelli di ulivo e di palma. Questi, successivamente, vengono portati a casa e sistemati nell’angolo della stube dove è posizionato il crocifisso, a protezione della casa e del maso. In estate poi, in caso di forte temporale, i contadini bruciano i rami di palma perché il fumo provocato allontani le nuvole minacciose.

In questo giorno i bambini precedono l’entrata di Cristo in chiesa portando rametti di ulivo, di vimini, di sempreverdi o mazzolini di erica e di altri fiori primaverili attaccati a lunghe aste.

Il Giovedì Santo si usa riunirsi tutti in famiglia per colorare e decorare le uova, spesso utilizzando il metodo antico che prevede l’uso della buccia di cipolla.

In Alta Badia le uova decorate hanno un significato molto particolare e importante: le giovani donne le regalano ai ragazzi che intendono sposare nel corso dell’anno.
Nel Venerdì Santo si prepara un cestino con dentro varie specialità pasquali, che vengono benedette in chiesa il giorno dopo e messe in tavola e mangiate poi nel giorno di Pasqua.        
Dopo la messa di Pasqua, in alcune località altoatesine, si organizza nella piazza del paese il “Preisguffen”, una sorta di gara a “colpi d’uovo”: due contendenti, “armati” entrambi di un uovo sodo, si sfidano battendo con un solo colpo la parte alta del loro uovo. Vince chi resta con l’uovo intatto; come trofeo, guadagna l’uovo rotto dell’avversario.
Nella domenica di Pasqua, mentre gli adulti chiacchierano a tavola, i bambini si cimentano nella ricerca delle uova decorate, dei dolci e di altri regali che il “coniglio di Pasqua” ha nascosto per loro nel prato di casa.

Nello stesso giorno i bambini ricevono in regalo dai padrini e dalle madrine un “Fochaz”, un pane dolce a forma di gallina per le bambine e a forma di coniglietto o di cavallo per i bambini.
Le tradizioni pasquali si possono vivere e provare direttamente trascorrendo una vacanza in un maso Gallo Rosso in quel periodo.
La stagione inoltre regala già temperature miti e il sole è addirittura caldo in alcune ore della giornata: a Pasqua infatti, la primavera offre uno spettacolo naturale che è un tripudio di colori e di profumi, oltre che di prodotti freschi, sani e genuini che i contadini dei masi Gallo Rosso utilizzano, prendendoli dai loro stessi orti e campi, nelle ricche ed abbondanti colazioni preparate per gli ospiti.
Andare a raccogliere nel pollaio, le uova da decorare, cercare a Pasqua quelle colorate nei verdi prati, creare i mazzolini di piccoli fiori da portare alla processione nella Domenica delle Palme, preparare insieme alla contadina l’impasto per i Fochaz, scegliere le specialità da mettere nel cestino da portare in chiesa per la benedizione il Venerdì Santo, sono tutte esperienze meravigliose e uniche che rendono indimenticabile una vacanza. Per tutti.
I masi Gallo Rosso però sono strutture piccole che, proprio per questo motivo, garantiscono un trattamento molto esclusivo e una cordialità da condividere con pochi. Pertanto si consiglia di prenotare con anticipo per garantirsi una Pasqua all’insegna della tradizione.

Gli oltre 1600 masi Gallo Rosso sono tutti presenti sul sito
www.gallorosso.it , dove è possibile effettuare una ricerca utilizzando i filtri a disposizione, che aiutano ad individuare facilmente gli agriturismi che rispondono alle proprie esigenze.

Info:

www.gallorosso.it
                                                      

 


Le altre notizie

E dopo la neve le Seychelles

Corsica Ferries ti porta a Roma

Innsbruck: sci, tradizioni e cultura

Pasqua in Laguna

La festa in Alto Adige

 

 

 

 

Alberghi

Benessere

Lo sapevate che . . .

Parchi

Personaggi

 

Ristoranti

 

Nessun record restituito.
 

Chi siamo

Contattaci

Email

Immagini

 

 

Aeroporti italiani

Agriturismi

Compagnie Aeree

Giochi on line gratis

Governo Italiano

Il Mondo in un clik

La terra dal cielo

L'Italia da vedere

Lotto

Mappe

Meteo

Metropolitane d'Italia

Metropolitane Europee

Motori di ricerca italiani

Motori di ricerca nel mondo

Musica da ascoltare

Orari ferroviari

Oroscopo

Programmi TV

Quotidiani in rete

Sisal

Tabelle alimenti

Tour Operator

Traghetti

Trivago

Turismo

Turismo in Internet

 
 
Copyright 2007 - Cosasifa.it | p.i. : 02252460163

design & creations in Blue line by Pk-web